Anche la comunità prega ON-LINE | Prega con noi - Cammino Sinodale

Doveva Risorgere è cosi è stato. Alleluia

Buongiorno amici e buona domenica nella gioia del Signore Risorto, alleluia, alleluia. Oggi chiamati perché, oggi Cristo, nostra Pasqua, è risorto: la nostra salvezza è compiuta! Con gioia ed esultanza apriamo il nostro cuore al Signore per tutte le necessità della Chiesa, del mondo e della nostra vita. Lo invochiamo: Signore, Dio della gloria, ascoltaci! Preghiamo per la pace nel mondo e per tutte le necessità dell’umanità.            Doveva risorgere. Doveva!
Questo è il centro della nostra fede. La morte è vinta. Doveva andare così. Il Signore Gesù è la vita, e lui ha vinto. La luce risplende nella notte. La pietra è tolta dal sepolcro.
Doveva andare così, questo era il progetto di Dio, da sempre.
È Pasqua! È il passaggio che anche io oggi sono chiamato a compiere. Forse vivo un tempo ancora buio, come nelle parole del vangelo, ma anche per me può essere il primo giorno, un giorno nuovo, in cui sperimentare che il sepolcro è vuoto. Probabilmente come Maria di Magdala non capirò subito, come Pietro correrò avanti e indietro senza avere le idee chiare, ma intanto come lui posso provare ad entrare in quel sepolcro e guardare e contemplerò una certezza: Egli doveva risorgere dai morti.
La morte non ha l’ultima parola! (Gv 20,1-9)   Auguri di buona e Santa Pasqua.

Contemplo:

Principe della pace, Gesù Risorto, guarda benigno all’umanità intera. Essa da Te solo aspetta l’aiuto e il conforto alle sue ferite. Come nei giorni del tuo passaggio terreno, Tu sempre prediligi i piccoli, gli umili, i doloranti; sempre vai a cercare i peccatori.
Fa’ che tutti Ti invochino e Ti trovino, per avere in Te la via, la verità, la vita. Conservaci la tua pace, o Agnello immolato per la nostra salvezza: Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, dona a noi la pace! Allontana dal cuore degli uomini ciò che può mettere in pericolo la pace, e confermali nella verità, nella giustizia, nell’amore dei fratelli. Illumina i reggitori dei popoli, affinché, accanto alle giuste sollecitudini per il benessere dei loro fratelli, garantiscano e difendano il grande tesoro della pace; accendi le volontà di tutti a superare le barriere che dividono, a rinsaldare i vincoli della mutua carità, a essere pronti a comprendere, a compatire, a perdonare, affinché nel tuo nome le genti si uniscano, e trionfi nei cuori, nelle famiglie, nel mondo la pace, la tua pace.