Anche la comunità prega ON-LINE | Prega con noi - Cammino Sinodale

Voi dunque pregate così.

Buongiorno amici e buona giornata nella gioia del Signore Gesù Cristo.  Oggi chiamati perché il tuo Spirito, Signore, è la parola interiore della nostra preghiera. Per questo tuo Spirito preghiamo: Ascoltaci, o Signore. Preghiamo per la pace nel mondo e per tutte le necessità dell’umanità.                                      La parola uscita dalla bocca di Dio non è senza effetto: è come l’acqua che scende dal cielo, irriga il solco, fa germogliare il seme perché produca il grano che darà il pane da mangiare. Gesù è la parola di Dio, disceso a bagnare col suo sangue prezioso le zolle inaridite della nostra umanità, venuto a pronunciare la sola parola che mai va sprecata: Padre nostro! È parola che svela noi a noi stessi quali figli del regno e fratelli tra noi; figli amati, nutriti, perdonati, custoditi; fratelli che imparano ad amare, nutrire, perdonare, custodire. Padre nostro! Padre che ci conosci e attendi, Padre che già sai e previeni ogni nostra attesa e desiderio, Padre che ascolti nel grido dei figli la voce del Figlio diletto. Padre nostro! Padre che allarghi le tue e le nostre braccia in un perdono senza confini. (Mt 6,7-15)                                                                                                  Contemplo:

Pregare è oggi, per molti cristiani, una difficile impresa. C’è chi la elude dicendo che non serve o che «lavorare è pregare»; chi l’accantona scusandosi di non trovare il tempo e chi riconosce la difficoltà come reale, ma evita di affrontarla perché non sa che cosa dire. Non mancano neppure, fra i più devoti, coloro che «sprecano parole come i pagani», perché si accaniscono a domandare cose buone solo in apparenza. Per tutti, Gesù sposta il centro del problema: non si tratta di pregare per soddisfare determinati bisogni, ma di scoprire che Dio è Padre e chiama alla comunione d’amore con lui e, in lui, con tutti gli uomini. Pregare allora non è più questione di cose da dire, bensì di amore, che si esprime nelle parole, ma anche nel silenzio, e progressivamente avvolge tutta la vita rendendola un’unica, incessante preghiera.